Risparmiare al massimo: cosa significa?

Di solito quando si pensa a risparmiare si pensa al taglio delle spese superflue. Ma il risparmio in realtà ha molti significati, tutti da scoprire.

Risparmiare = tranquillità

Quando si mettono via un po’ di soldini di solito si pensa a quando ci sarà bisogno di un fondo per spese extra oppure per emergenze.

Queste esigenze sono cicliche, pensiamo alla necessità periodica ad esempio di cambiare l’auto.

È naturale pensare che situazioni come queste necessitano di una scorta, per stare tranquilli e non doversi trovare costretti a fare debiti.

Risparmiare = tutela

Se pensiamo alla nostra vecchiaia oppure anche senza andare così lontano nel tempo pensiamo ad una situazione in cui ci ammaliamo e abbiamo bisogno di cure specifiche ed esami dispendiosi.

Normalmente riusciamo a far rientrare a budget queste spese, ma solo se non superano un certo importo, altrimenti saremo costretti a utilizzare i nostri fondi di scorta.

La nostra salvezza in queste situazioni è ancora il risparmio, perchè significa poter stare tranquilli anche quando non avremo le forze economiche e fisiche per poterci arrangiare.

Risparmiare = saggezza

È molto facile spendere soldi. Provate a dare a chiunque 10.000 € dicendo che li deve spendere tutti in un giorno, non troverà difficile farlo.

Altro discorso invece è fare piccole rinuncie, o si potrebbe parlare piuttosto di scelte, per programmare anche le spese di domani.

In questo caso sappiamo che invece di inseguire un beneficio immediato, spostiamo ad uno scenario futuro l’utilizzo del denaro. Bisogna avere pazienza e riuscire a spostare in avanti la percezione del vantaggio che otterremo.

Non è per niente immediato, e bisogna allenarsi a farlo. Anche se bisogna dire che noi italiani siamo molto bravi in questo, anzi siamo proprio famosi!

Risparmiare = sacrificio

Si riprende in pratica il discorso detto sopra: bisogna rinunciare a qualcosa per avere un beneficio in futuro.

È la parte meno piacevole del risparmio, tuttavia riguarda solo la sfera attuale, se la guardiamo nel complesso, vediamo quanto in realtà sia un vantaggio considerando il lungo termine.

Risparmiare = crisi

Ormai ci siamo abituati a pensare che a seguito della crisi si contraggono i consumi e quindi si cerca di risparmiare. In realtà il risparmio è un atteggiamento che andrebbe utilizzato sempre e non solo in particolari occasioni.

Meglio infatti poco per volta che tanto tutto in un colpo.

Risparmiare = futuro

Come abbiamo visto scegliamo di risparmiare soprattutto per pensare al domani. Oggi non si vede il vantaggio, che verrà solo in un tempo successivo.

È una prospettiva simile al film Ritorno al futuro: dobbiamo anche noi viaggiare nel tempo per capire i vantaggi di un’azione di oggi.

Qualsiasi azione decidiamo di fare oggi poi determinerà una situazione specifica domani. Solo che non abbiamo la fenomenale auto DeLorean, quindi se sbagliamo non potremo poi tornare indietro nel passato a risolverla.

Bisogna pensare bene alle nostre scelte oggi, come ho già spiegato nella teoria del salvadanaio.

Risparmiare = progetto

Se abbiamo una grande idea in testa quello che ci serve è proprio risparmiare. Che sia un progetto imprenditoriale, un progetto di vita, un magnifico viaggio o altro, in ogni caso servirà un accumulo. Serve un budget.

Quindi dobbiamo sapere quanto denaro ci vuole e poi, poco per volta metterlo da parte. In questo modo non c’è progetto che non possa essere realizzato, eccetto quelli vincolati ad altri fattori!

I sognatori hanno bisogno di risparmiare.

 

Risparmiare quindi ha molti significati, per ciascuno può prevalere uno o l’altro. Quello che conta è sapere che risparmiare ci è utile perchè ci aiuta a definire la nostra vita e a soddisfare i nostri bisogni.

 

Leave a Reply